Abbiamo realizzato un innovativo prodotto da utilizzare come navigatore per lo smartphone. A proposito di web semantico ...

Attualmente, la gran parte delle applicazioni di localizzazione accessibili attraverso dispositivi mobili sono in grado di fornire informazioni di vario genere legate all’attuale posizione, ad un percorso e futura destinazione di un utente. Tuttavia, tali informazioni sono innanzitutto limitate e molto spesso prescindono dalle effettive necessità (ad esempio lo scopo di un viaggio) ed interessi dell’utente (profilo). Ad esempio, gli attuali sistemi di navigazione satellitare possono offrire informazioni relative a specifici punti di interesse di una località (precedentemente identificata attraverso un indirizzo e numero civico), eventualmente mettendo a disposizione la funzionalità di filtrarli per categoria (ospedali, ristoranti, etc.) e nei casi più avanzati sulla base di alcuni parametri definiti dall’utente al momento della ricerca. Tali punti di interesse, però, contengono minime informazioni e soprattutto non permettono di capire cosa effettivamente tale località mettono a disposizione in termini di servizi offerti e/o peculiarità ambientali, culturali, artistiche che potrebbero essere rilevanti per l’utente. Di conseguenza, i risultati della ricerca sono generici e molto spesso non rilevanti per l’utente. A questo va aggiunto che gran parte degli attuali sistemi di localizzazione disponibili su dispositivi mobili si basano su tecnologie GPS e quindi funzionano in ambienti outdoor. Di conseguenza l’utente perde la possibilità di ottenere informazioni utili in ambienti indoor (si pensi ad esempio ad un centro commerciale, un complesso polifunzionale per aziende, o ad un museo) dove molteplici e distinti servizi ed informazioni possono essere concentrati in spazi relativamente ridotti, e quindi non facilmente identificabili e distinguibili con tecnologia di localizzazione puramente basata su GPS, laddove invece tecnologie come Bluetooth, WLAN e NFC (Near Field Communication) possono offrire indubbi vantaggi.

In sintesi, emerge la necessità di un sistema per la ricerca di informazioni e servizi intelligente – cioè capace di fornire informazioni complete, accurate e soprattutto rilevanti per un utente a seconda dei suoi attuali obiettivi, necessità ed intereressi, oltre che della sua attuale o futura posizione – le cui funzionalità siano fruibili attraverso dispositivi mobili in maniera fluida - cioè indipendentemente dalla natura  della posizione (indoor/outdoor) o del percorso dell’utente, e con la possibilità di cambiare velocemente e semplicemente gli attuali obiettivi per far fronte alle molteplici situazioni/ruoli della nostra vita di tutti i giorni.

Con tale sistema, un utente potrà quindi utilizzare il proprio smartphone per identificare (e quindi raggiungere) un luogo non attraverso l’immissione di un indirizzo e numero civico, ma piuttosto attraverso i servizi e peculiarità che esso offre rispetto alle proprie attuali necessità ed obiettivi.

Un sistema capace di gestire tali scenari con la richiesta intelligenza e fluidità che non solo permetta di individuare univocamente la posizione dell’utente per mezzo di diverse tecnologie (GPS, Bluetooth, WLAN ed in alcuni casi RFID), ma allo stesso tempo ne possa estendere le capacità con una serie di modelli e metodologie basate su tecnologie semantiche per implementare l’intelligenza nella ricerca e selezione degli ambienti sulla base delle informazioni disponibili, così come la fluidità rispetto alle molteplici situazioni e ruoli, e quindi profili, di un utente.

La combinazione di applicazioni di localizzazione e semantica è una tematica emergente, ma attualmente confinata ad applicazioni puramente Web, che molto spesso non sono ottimizzate per dispositivi mobili. Inoltre, esistono diverse ontologie capaci di annotare la posizione geografica di entità, ma sono da valutare attentamente ed adattare per ciò che riguarda una loro efficace rappresentazione semantica di ambienti (che siano essi aziende piuttosto che negozi, strade, parchi, etc) in termini di servizi ed informazioni offerti. In maniera simile, la modellazione di utenti in termini di molteplici “micro” profili, che esclusivamente rispondono alle varie specifiche situazioni/ambiti giornalmente vissuti da un utente, rappresenta un indubbio contributo del presente progetto, come anche tutte le metodologie e strumenti che permetteranno una efficace e semplice creazione, pubblicazione e ragionamento automatico sui profili semantici dell’utente e degli ambienti.

  • Condividi questa pagina